Scopriamo la certificazione GOTS

Con Global Organic Textile Standard (GOTS) si fa riferimento ad una norma internazionale usata per la certificazione delle fibre naturali e che comprende criteri di natura ecologica e sociale.  Consiste in un sistema di certificazione indipendente dell´intera filiera di produzione tessile.

CRITERI AMBIENTALI

  • Divieto di utilizzare metalli pesanti tossici, formaldeide, solventi aromatici, nano particelle funzionali, OMG e altri enzimi
  • Divieto di utilizzare sbiancanti a base di cloro
  • Divieto di utilizzare coloranti azoici
  • I materiali naturali devono essere separati dai prodotti di fibre convenzionali durante tutto il processo produttivo
  • Tutti gli operatori devono rispettare una politica di protezione ambientale con precisi obiettivi e procedure volte a ridurre al minimo i consumi e gli scarichi
  • Le acque reflue di tutte le unità di lavorazione a umido devono essere trattate attraverso un impianto funzionale per il trattamento delle acque

PRODOTTI TOSSICI PER L´UOMO

Le materie prime, i semilavorati e i prodotti tessili finali non devono contenere nessun tipo di sostanze tossiche o nocive

CRITERI MINIMI  DI IMPEGNO SOCIALE

 Tutti i produttori e coloro che prendono parte alle fasi di lavorazione devono soddisfare i requisiti minimi sociali, secondo quanto stabilito nelle norme fondamentali dell´Organizzazione Internazionale del Lavoro

  • Il lavoro viene scelto liberamente
  • Condizioni di lavoro sicure e a norma d´igiene
  • Nessuno sfruttamento del lavoro minorile
  • Retribuzioni adeguate a garantire condizioni di vita dignitose
  • Ore di lavoro non eccessive
  • Nessuna discriminazione
  • Forme di impiego regolari
 Nessun trattamento ostile o disumano
Le aziende con certificazione GOTS sono controllate annualmente, oltre ad essere sottoposte a verifiche spontanee. E questo è il motivo per il quale GOTS risponde ai criteri più severi quando si tratta di fibre naturali.
Non stiamo parlando di lusso, il cotone naturale dovrebbe essere la norma. Purtroppo non è così, dal momento che ogni anno le piantagioni di cotone vengono ricoperte da pesticidi per un valore di  2,6 miliardi di dollari. Si tratta di sostanze dannose per l´uomo, per la fauna selvatica e per l´ambiente. Molti di questi pesticidi presenti sul mercato, tra i quali una vasta gamma di organofosfati e carbammati, sono appunto utilizzati sui campi di cotone (Fonte: Pesticide Action Network).

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati